image-142
 S i a m o  c o s ì
   associazione culturale

facebook
twitter
instagram

333 402 8845

Famiglia

 

SAN GIUSEPPE  AUGURI A TUTTI I PAPA'


Oggi voglio fare gli auguri a tutti i papa' e sono certa che tutti i bimbi piccoli e grandi festeggiano il loro adorato papa'.

Oggi, 19 marzo 2020, è una "festa triste", i papa' sono scesi tutti in guerra a combattere contro un nemico che non si vede a occhio nudo, ma che costringe a comportamenti disumani come il non darsi baci, il non abbracciarsi, il tenere lontani e isolati i nonni, gli zii, gli amici, una grande guerra di dimensioni mondiali.

Oggi avrei voluto parlare di San Giuseppe, modello per tutti i papà, uomo giusto responsabile con una grande interiorità, sensibile, lavoratore, che ha curato la Sacra Famiglia. Giuseppe nella sua vita ha affrontato situazioni inaspettate e straordinarie alle quali Dio gli ha proposto di partecipare.

Oggi avrei voluto parlare di Giuseppe come nodello di paternità da seguire, paternità che al pari della maternità è stata messa in discussione, svilita e anche oltraggiata con genitore 1 (o 2 ?) per via di una cultura ideologica che vuole imporsi per rendere liquido il ruolo che fin dalla nostra nascita ci viene affidato dal Creatore, e sì, perché non ci siamo dati noi la vita, né tantomeno ci siamo creati maschi e femmine da soli.

Oggi i papà sono chiamati ad affrontare una situazione straordinari, inaspettata, che è arrivata e li ha colti impreparati. Papà che si ritrovano senza lavoro, che temono per la loro famiglia. Papà che si ritrovano a combattere in prima linea nelle corsie di ospedale e nei reparti di terapia intensiva e si vedono costretti a stare lontani dai propri figli e dalle loro mogli.

A cosa sta chiamando Dio ? Quale situazione sta proponendo a tutti i papà? E allora si, in questo senso cari papà guardate San Giuseppe, il suo coraggio e il suo affidamento alla volontà di Do che è amore e proprio a San Giuseppe ha affidato il nostro Salvatore Gesù Cristo.

Papa Francesco racconta: " amo molto San Giuseppe perché è un uomo forte e silenzioso. Sulla mia scrivania ho un’immagine di San Giuseppe mentre dorme e quando ho un problema o una difficoltà io scrivo un biglietto su un pezzo di carta e lo metto sotto la statua di San Giuseppe affinchè lui possa sognarlo. Come san Giuseppe, una volta ascoltata la voce di Dio, dobbiamo riscuoterci dal nostro sonno; dobbiamo alzarci e agire come famiglie. La fede non ci toglie dal mondo, ma ci inserisce più profondamente in esso”.

AUGURI CARI PAPA' NON PERDETE LA VOGLIA DI SOGNARE COME SAN GIUSEPPE.

 

Anna Cavallo

 

19 Marzo 2020

images
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder