image-142
 S i a m o  c o s ì
   associazione culturale

facebook
twitter
instagram

333 402 8845

GESTAZIONE PER ALTRI

 Come ti inganno la donna e la faccio diventare una gpa seriale.

utero-in-affitto-1.webporiginuteroesoldi

GESTAZIONE PER ALTRI ... la storia continua


Come ti inganno la donna e la faccio diventare una gpa seriale ...ma è allora che la donna debole diventa forte!
Storia di un'anima e dei suoi molti figli.

Avete letto la prima parte della storia? Se si andate avanti, altrimenti cercate la prima parte e leggetela.

…continua….

Dopo alcuni anni a Kelly si ripropone la possibilità di fare una seconda maternità surrogata.
Nonostante avesse deciso di non ripetere più l’esperienza negativa della gestazione per altri, a Kelly la stessa psicologa suggerisce di aiutare una coppia di cui lei è consulente e che ha problemi di fertilità. La coppia è carina e simpatica, cosicchè Kelly e Jay accettano di fare i surrogati per loro. Kelly pensa che sono moglie e marito e che una donna l’avrebbe accompagnata durante la gravidanza. E poi è una coppia dell’Iowa, vivono vicino, senza una agenzia di mezzo è l’ideale.
Di nuovo Kelly e Jay hanno bisogno di denaro e accettano.
Ma la donna nell’espianto dei suoi ovuli rischia di morire per una grave complicazione dovuta all’iperstimolazione ovarica. La clinica non tiene conto delle gravi condizioni in cui versa la donna e comunque impianta a Kelly un embrione della coppia per 18.000 dollari.
In seguito Kelly porta avanti la gravidanza da sola, al contrario di ciò che aveva immaginato. Il parto va bene questa volta, ma la coppia committente divorzia e la moglie abbandona la bambina.
Kelly resta in contatto con il padre della bambina e prova sensi di colpa perché pensa che se non avesse accettato tale contratto di maternità surrogata la bambina non sarebbe nata e non avrebbe dovuto subire quella situazione.
Kelly resta incinta del suo terzo figlio e con Jay si trasferiscono nel sud Dakota. Hanno di nuovo estremo bisogno di denaro.
Ricontatta l’agenzia e decide con Jay di rifare una maternità surrogata. Non pensa al rischio che corre perché nessuno la mette in guardia. Pensa solo che con quel denaro avrebbe aiutato la sua famiglia.
Invia il suo curriculum e come in una agenzia matrimoniale l’accoppiano con una coppia spagnola. Impantano l’embrione e sembra andare tutto bene. Da una ecografia sa che sono due gemelli.
Non era stata informata che l’impianto era stato di due embrioni, mentre la coppia sapeva di aver commissionato due gemelli un maschio e una femmina. Ma al momento dell’impianto l’embrione femmina non attecchisce, mentre l’embrione maschio si duplica in due embrioni maschili. Detto così sommariamente è qualcosa che accade raramente, ma accade.
La coppia rifiuta di avere due gemelli maschi, perché aveva commissionato un maschio e una femmina. Non si da pace. Hanno pagato 5000 dollari in più per avere un maschio e una femmina e Kelly teme che possano non venire negli Stati Uniti per prendere i bambini.
E’ incredibile che una coppia sborsi 150.000 o più e poi rifiuti di prendere i bambini.
La coppia sparisce e Kelly porta avanti la gravidanza a sue spese.
Kelly è stressata e comincia a soffrire di ipertensione, la ricoverano in ospedale, rischia di morire. I suoi figli e Jay si spaventano tantissimo.
Arriva in ospedale la coppia spagnola che chiede se sono due maschi o un maschio e una femmina, è la loro unica preoccupazione perché avevano commissionato un maschio e una femmina. La situazione diviene molto critica per tutti, per Kelly, per i medici, per le infermiere, per l’agenzia.
I gemelli nascono prematuri di 10 settimane, con Kelly a rischio ictus. I bimbi vengono portati in terapia intensiva e i genitori dopo un’ora ripartono per la Spagna. I gemelli restano soli nel reparto fino a quando Kelly non viene dimessa e solo allora Jay parla con i gemelli che riconoscono la sua voce agitandosi.
Il contratto prevedeva un maschio e una femmina, non due maschi. Così i genitori committenti bloccano qualunque pagamento all’agenzia, la quale manda le fatture per circa 10000 dollari a Kelly.
Le fatture sono intestate a Kelly e qui lei con tutta la sua famiglia iniziano a trovarsi nei guai.
Ironia della sorte invece di migliorare economicamente Kelly e Jay precipitano in un disastro economico con il pignoramento dello stipendio.
Kelly comincia a stare male, pensa ai gemelli che non sa che fine hanno fatto, ha attacchi di panico, prende ansiolitici, incorre in un vero stress post traumatico per quella maternità surrogata così finita malissimo con ripercussioni negative sul piano psicologico, morale ed economico.
Oggi grazie a kelly e a Jennifer Lahl conosciamo la storia di molte madri surrogate e diciamo
BASTA ALLA MATERINTA’ SURROGATA!
STOP SURROGACY NOW!

LA GPA VIOLA I DIRITTI UMANI DELLA DONNA E DEL BAMBINO, È UNA VERA E PROPRIA SCHIAVITÙ DETTATA DA UN CONTRATTO CAPESTRO CHE IMPONE PERSINO CHE L’OGGETTO DEL CONTRATTO OVVERO IL BAMBINO CORRISPONDA ALLE SPECIFICHE CONTRATTUALE, OLTRE A LIMITARE E DETERMINARE LA VITA DELLA MADRE.

Fine 

 

Anna Cavallo 

 

16 settembre 2019

 

fonte:
BigFertility: It’s All About The Money, documentario prodotto dal Center for Bioethics and Culture, California, presidente Jannifer Lahl

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder